La liposuzione è una tecnica di chirurgia plastica utilizzata per rimodellare il corpo, andando ad agire su numerosi inestetismi, come: fianchi troppo prominenti, ventre appesantito, culotte de chevals e non ultimi gli inestetismi provocati dalla cellulite. L’intervento di liposuzione è ormai tra i più richiesti tra quelli di chirurgia plastica, nonostante ciò continua ad essere frequente anche il timore che possa essere doloroso. La domanda più frequente dei pazienti che chiedono un consulto infatti è sempre la stessa “Farà male?”

 liposuzione

Liposuzione: fa male?

La domanda di partenza è già di per sé inesatta. Ogni intervento in generale di chirurgia plastica, viene progettato in modo assolutamente personalizzato sul corpo e sulle aspettative del paziente. Allo stesso modo, ogni paziente che si sottopone ad un intervento di liposuzione vive il percorso che porta al cambiamento (e l’intervento stesso) in maniera totalmente soggettiva e differente in base alle proprie caratteristiche fisiche e alla quantità di adipe che si decide di rimuovere. Non può dunque esistere una risposta univoca alla domanda “La liposuzione fa male?” La liposuzione non è un trattamento per perdere peso velocemente come molti pensano, ma un vero e proprio intervento chirurgico e, come tale, può rappresentare un impegno più complesso per il corpo rispetto ad altri trattamenti non chirurgici.

Nonostante ciò, quella della liposuzione non è un’operazione ad alto rischio né particolarmente dolorosa. Consiste nell’asportazione dell’adipe in eccesso localizzate in alcune parti del corpo come glutei, braccia, cosce, addome e ginocchia mediante l’aspirazione del grasso con speciali cannule di piccole dimensioni. Prima di procedere, inoltre, l’anestetista della sala operatoria procederà con l’anestesia prevista dal chirurgo e concordata con il paziente. Questa, può essere totale (con addormentamento e pernotto in ospedale) o parziale. Il tipo di anestesia dipende anche e soprattutto dal tipo di liposuzione che si dovrà eseguire. Il momento dell’intervento è quindi indolore, poiché il paziente sarà anestetizzato. Dopo l’intervento servono poi 48 ore di assoluto riposo prima di poter riprendere le attività quotidiane. I risultati dell’intervento saranno poi visibili dopo i primi 2 mesi.  Nella maggior parte dei casi i pazienti hanno riferito di aver provato fastidi nei giorni successivi all’intervento, ma anche questo rimane un fattore altamente soggettivo. La cosa migliore in questi casi è rivolgersi ad un chirurgo plastico competente e qualificato per un consulto e chiedergli di chiarire ogni dubbio o timore prima di decidere se sottoporsi o meno all’intervento.

 

Segui la Dott.ssa Cavarra anche su Facebook e Instagram.

Post Correlati

Leave a comment