Liposuzione e mastoplastica additiva: gli interventi più richiesti in chirurgia plastica

Liposuzione e mastoplastica additiva sono ormai da anni interventi di chirurgia plastica su cui si sono consolidate tecniche, procedure e metodologie. Questo li rende di conseguenza fra gli interventi più sicuri in tema di chirurgia estetica. Non per questo ci si può permettere di prenderli alla leggera: in quanto interventi chirurgici è indispensabile che dietro la progettazione di questi interventi ci sia lo sguardo scrupoloso e attento del chirurgo plastico e del suo team. Così come è fondamentale che gli interventi avvengano in sale operatorie di strutture autorizzate e che il chirurgo plastico abbia il supporto del personale medico di sala.

Liposuzione

La liposuzione è un intervento di chirurgia plastica e non va mai considerato come tecnica di dimagrimento. La liposuzione è l’intervento di chirurgia estetica che può eliminare le zone di grasso localizzato e resistente a diete ed esercizio fisico. Attraverso l’intervento di liposuzione il chirurgo plastico penetra nella zona di grasso che si vuole eliminare attraverso delle micro cannule. Con queste, il chirurgo frantuma e poi aspira il tessuto adiposo. La liposuzione può essere eseguita in anestesia locale o parziale. Questo dipenderà dalle zone da trattare e dalle metodologie pianificate dal chirurgo e dalla sua equipe. Da questo dipenderà anche la durata dell’intervento e il tipo di degenza in ospedale: in alcuni casi la liposuzione può essere eseguita in  Day Hospital senza obbligo di ricovero, in altri casi (soprattutto quando eseguita in anestesia generale) può prevedere da una o due notti in struttura. Dopo la liposuzione il paziente dovrà stare a riposo per qualche giorno per tornare alla propria routine quotidiana e sportiva nel giro di tre settimane.

liposuzione_mastoplastica

Liposuzione: la visita pre-operatoria

La liposuzione come qualsiasi intervento di chirurgia plastica è un intervento fortemente personalizzato: costruito e progettato dal chirurgo plastico sulla singola persona e sul singolo caso. Durante la visita conoscitiva il chirurgo plastico valuterà quantità e localizzazione dei tessuti adiposi da eliminare. La valutazione includerà anche le condizioni e la predisposizione della pelle all’elasticità e alla cicatrizzazione. Dopo questa fase, sarà possibile per il chirurgo plastico e per il paziente iniziare una fase concreta di analisi degli obiettivi e dei risultati possibili da raggiungere.

Non da meno la valutazione da parte del chirurgo estetico delle condizioni di salute generali del paziente. Questo per escludere o portare al minimo le probabilità di eventuali compilazioni che potrebbero influire sui risultati dell’intervento. Prima di sottoporsi alla liposuzione vi è un periodo in cui il paziente deve rispettare le istruzioni del chirurgo plastico sullo stile di vita da tenere:  buone pratiche relative all’alimentazione, allo sport, all’assunzione di farmaci e all’uso di alcolici e sigarette.

Mastoplastica additiva

La mastoplastica additiva è l’intervento di chirurgia plastica per l’aumento del volume del seno. Grazie a questo intervento è possibile non solo modificare le dimensioni ma correggere ed intervenire anche sulla forma del seno. L’obiettivo primario di questo intervento è quello di migliorare l’armonia del corpo, e il senso di autostima. In chirurgia plastica l’intervento di mastoplastica additiva è consigliato per rendere florido e armonioso con il resto del corpo il seno, per ridare tono ad un seno svuotato e per correggere eventuali asimmetrie fra i due seni. Il chirurgo plastico vi guiderà nelle fasi iniziali di progettazione dell’intervento, nella scelta della protesi. Non tutte le protesi sono uguali: oltre ad essercene di diversi materiali ci sono anche diverse forme e dimensioni. Ognuna adatta al caso specifico.  La scelta delle protesi è una fase fondamentale che prevede una guida scrupolosa e coscienziosa da parte del chirurgo plastico affinché il risultato dell’intervento sia naturale e corrisponda alle aspettative.  Una volta concordato il tipo di protesi e di intervento, il chirurgo e la sua equipe procederanno con la mastoplastica. Questo intervento nella maggior parte dei casi viene eseguito in Day Hospital e quindi senza obbligo di ricovero, a volte può essere anche eseguito in anestesia locale e altre volte può prevedere invece un ricovero ospedaliero di una o due notti. Tutto chiaramente dipende dalla tipologia di intervento e dalle condizioni generali del paziente.

Mastoplastica: post operatorio

Quando ci si sottopone ad un intervento di mastoplastica additiva è importante rimanere a riposo per tutte le 48 ore successive all’intervento. Dal terzo giorno si possono riprendere le proprie normali attività quotidiane a meno che non siano particolarmente faticose ed evitando l’attività sportiva. In questa fase sono sconsigliati anche l’esposizione al sole, le saune e i bagni turchi e non bisogna preoccuparsi se la zona operata riporta ecchimosi o gonfiori: spariranno completamente nel giro di qualche settimana. Dopo tre settimane dolori e gonfiori dovrebbero essere completamente spariti e sarà possibile ritornare alla consueta attività sportiva.

Rimani aggiornato sulle novità in chirurgia plastica e medicina estetica e segui il Chirurgo Plastico Laura Cavarra anche su Facebook e Instagram.

% Commenti (2)

Concetta Pulichino

Un intervento di mastoplastica al seno quanto viene a costare più o meno?… Lo so che si devono considerare tante cose, ma, è giusto per farmi un’idea per sapere se sono in grado di affrontarlo economicamente… Ho un corpo esile, corporatura minuta, una seconda di seno, ho 43 anni e un parto gemellare alle spalle… Grazie

Carissima Concetta, può contattarmi privatamente all’indirizzo info@lauracavarra.it Saluti!

Leave a comment