Mastoplastica additiva: sono tante le donne che decidono di sottoporsi ad intervento al seno durante il periodo primaverile e che hanno dei dubbi su quali siano i comportamenti più idonei da attuare in estate per non alterare gli ottimi risultati della mastoplastica.

Mastoplastica additiva: come proteggere il seno

L’intervento al seno prevede l’applicazione di una protesi che può essere inserita dietro la ghiandola oppure dietro al muscolo. In quest’ultimo caso il post operatorio prevede un tempo di guarigione più lento.
Ad ogni modo, nel periodo che segue la mastoplastica è fondamentale proteggere il seno con una fascia compressiva e in seguito utilizzare un reggiseno che sostenga il seno anatomicamente. Quindi, per le prime tre settimane indossare il reggiseno contenitivo è importante per assicurare la perfetta esecuzione dell’intervento e la forma desiderata.

mastoplastica_additiva_estate

Mastoplastica additiva e l’estate.

È consigliabile, il mese successivo all’intervento, evitare di esporsi al sole e di farlo solo in seguito con l’utilizzo di una protezione solare alta (fattore 50+) e un reggiseno che copra le cicatrici. Queste vanno protette dal sole anche se l’operazione è stata eseguita nei primi mesi dell’anno, quindi per la prima estate è assolutamente consigliabile proteggerle dall’esposizione ed evitare così il processo dell’iperpigmentazione. Inoltre, va ricordato che fin quando le cicatrici sono rosse non dovrebbero essere esposte ai raggi solari per evitare la creazione di segni evidenti. I raggi UV non solo danneggiano la pelle, ma possono alterarne anche il colore, rendendo le cicatrici più visibili.
Anche la scelta del bikini giusto è un’operazione molto importante che non deve essere sottovalutata. Sarebbe opportuno utilizzare bikini che sorreggano il seno, privi di ferretti per favorire l’assestamento delle protesi.

Segui la Dott.ssa Cavarra anche su Facebook e Instagram.

Post Correlati

Leave a comment