La mastoplastica additiva è l’intervento di chirurgia plastica mediante il quale viene aumentato il volume del seno ed è tra gli interventi di chirurgia plastica più richiesti dalle donne di tutto il mondo, nonché uno dei primi interventi di chirurgia plastica ad essere stati praticati. Questo, però, non lo rende meno impegnativo non solo dal punto di vista tecnico, ma anche per quanto riguarda il fattore psicologico che spinge una donna a scegliere di sottoporsi ad una mastoplastica additiva. Un bravo chirurgo plastico deve essere prima di tutto in grado di interpretare i desideri della paziente, sostenerla e accompagnarla verso la scelta più giusta sia dal punto di vista fisico ed estetico, sia dal punto di vista psicologico.

 mastoplastica_catania

Mastoplastica additiva: un percorso diverso per ogni donna

Non tutte le donne che desiderano sottoporsi ad un intervento di mastoplastica additiva lo fanno per gli stessi motivi, né hanno fatto tutte lo stesso percorso per acquisire la sicurezza necessaria ad affrontare un intervento chirurgico. Inoltre, quando si parla del tipo di percorso sostenuto da una donna che decide di sottoporsi ad un intervento di mastoplastica additiva, è importante che il chirurgo sappia essere un supporto non soltanto dal punto di vista medico. Al chirurgo, infatti, spetta il compito di interpretare correttamente le esigenze e i desideri delle donne che si affidano alle sue capacità e all’esperienza nel settore. Ogni donna è diversa e per ognuna il motivo che ha portato alla scelta di un intervento di mastoplastica additiva potrebbe essere scaturito da motivazioni differenti. Saper trovare il giusto equilibrio e realizzarlo rispettando il buon gusto e l’armonia generale della paziente sono fattori fondamentali. Esaltare e valorizzare la bellezza naturale è il compito di ogni bravo chirurgo plastico.

A partire da queste premesse scaturiscono le relative decisioni tecniche come ad esempio il tipo di protesi da usare e la grandezza delle stesse e la tecnica più adatta tra le tre principali, ovvero:

  • Posizionamento Retroghiandolare;
  • Posizionamento Retromuscolare;
  • Posizionamento Dual Plane (Parzialmente Retromuscolare).

Infine è giusto ricordare che quanto più conta riguarda la capacità di eseguire un intervento che non sia pericoloso per la paziente e che non comporterà problemi nella fase post operatoria.

Naturalmente ha molta importanza anche che il risultato finale sia soddisfacente per la donna che ha scelto di sottoporsi all’intervento di mastoplastica additiva, laddove per soddisfacente s’intende un seno che appaia come naturale nella forma e alla vista e che doni una nuova, più equilibrata armonia a tutta la figura della donna che ha desiderato questo cambiamento per sentirsi più sicura in corpo che rispecchi del tutto la sua essenza.

 

Segui la Dott.ssa Laura Cavarra anche su Facebook e Instagram.

 

Post Correlati

Leave a comment